Libri

La scienza del magico

Scienza del magico del giornalista scientifico Matt Kaplan si è rivelato un ottimo libro ricco di curiosità con il pregio di una confezione editoriale attenta anche ai dettagli più piccoli.

Tra la fine di un anno vecchio e l’inizio di uno nuovo proliferano sempre gli oroscopi che cercano di predire come andranno i mesi a seguire per ciascun segno dello zodiaco. L’oroscopo, però, indipendentemente dal fatto che non tiene conto della precessione degli equinozi che ha modificato la posizione delle costellazioni nel cielo (e dunque anche il periodo in cui queste sono attraversate dall’eclittica, ovvero il percorso apparente del Sole nel cielo), si poggia su un assunto scientificamente difficile da accettare e dimostrare: gli astri nel cielo hanno una qualche influenza sugli eventi della nostra vita, oltre che sul nostro stesso carattere. Il fatto curioso è, però, che effettivamente ci sono due oggetti celesti che hanno influenzato e continuano a influenzare la nostra vita in maniera anche misurabile: il Sole e la Luna.
La loro importanza è sancita da tutta una serie di leggende, spesso similari, legate ad esempio alle eclissi, parziali o totali, che periodicamente ci impediscono di osservarli nel cielo. Il ciclo delle stagioni, le maree, l’influenza sulla temperatura sono esempi di come Sole e Luna interagiscono con gli esseri che vivono sulla superficie della Terra, eppure la Luna in particolare sembra mostrare una particolare influenza sulle iguane marine delle Galapagos. Nel 1995 Martin Wikelski e Michaela Hau (1)Wikelski, M., & Hau, M. (1995). Is there an endogenous tidal foraging rhythm in marine iguanas?. Journal of Biological Rhythms, 10(4), 335-350. doi:10.1177%2F074873049501000407. trovarono prove a supporto della tesi che le iguane possiedono un orologio circalunare che permetterebbe loro di capire, indipendentemente dalla luce ricevuta, se sta avvenendo un’alta o una bassa marea. I due ricercatori ipotizzarono che tale meccanismo si era sviluppato perché le iguane in grado di identificare la bassa marea erano le prime ad avvicinarsi alla spiaggia e a mangiare i fili di alghe più facilmente disponibili.
Ispirati da questa ricerca, un gruppo di ricercatori dell’Università di Basilea guidati da Christian Cajochen (2)Cajochen, C., Altanay-Ekici, S., Münch, M., Frey, S., Knoblauch, V., & Wirz-Justice, A. (2013). Evidence that the lunar cycle influences human sleep. Current biology, 23(15), 1485-1488. doi:10.1016/j.cub.2013.06.029. si sono chiesti se tale orologio circalunare fosse in qualche modo presente anche negli esseri umani. Per provare a rispondere a questo quesito, il gruppo ha organizzato un esperimento sul sonno, in cui sia i sognatori volontari, sia i ricercatori che avrebbero condotto materialmente l’esperimento non erano a conoscenza del reale motivo del test: comprendere se la Luna ha una qualche influenza sul ciclo del sonno e dunque sull’umore. La risposta fu sorprendentemente positiva, ma non è stata ancora definitivamente confermata da ricerche indipendenti (3)Ci sono stati un paio di gruppi che hanno confermato e un gruppo che ha smentito tale conclusione .
Ad ogni modo questo indizio apre nuovi scenari e l’ovvia nuova domanda sull’utilità evoluzionistica nello sviluppare un orologio circalunare, ma questo è un quesito in qualche modo minore rispetto alla considerazione che sono in realtà molte le curiosità legate a riti, credenze e superstizioni che attraversano le culture umane: studiandole con attenzione mostrano di possedere una base scientifica che può farci comprendere non solo come queste credenze sono nate, ma anche come funziona il mondo. Una raccolta di fatti di questo genere risulterebbe una narrazione interessante, appassionante e ricca di spunti per il lettore interessato, e in effetti il paleontologo e giornalista scientifico Matt Kaplan li ha raccolti insieme in Scienza del magico, un testo dallo stile brillante che scava all’interno del mito, già esso stesso narrazione appassionante, per far emergere i pochi ma preziosi fatti scientificamente validi che si nascondono dietro ogni storia. E alcune di queste storie sono, come ovvio, legate agli eventi che accadono nel cielo, siano essi astronomici o semplicemente climatici, proprio come l’apparente malia esercitata dalla Luna. Infine a parere di chi scrive posizionare le numerose note di ciascun capitolo alla fine di questo e non in fondo al libro come avviene per molti testi del genere, rende molto più agevole la loro consultazione nel corso della lettura stessa.
Un ottimo libro con il pregio di una confezione editoriale attenta anche ai dettagli più piccoli.

Abbiamo parlato di:
Scienza del magico
Matt Kaplan
Traduzione di Jasmina Trifoni
Codice Edizioni, 2016
232 pagine, brossurato – 17,90 €

Note

1. Wikelski, M., & Hau, M. (1995). Is there an endogenous tidal foraging rhythm in marine iguanas?. Journal of Biological Rhythms, 10(4), 335-350. doi:10.1177%2F074873049501000407.
2. Cajochen, C., Altanay-Ekici, S., Münch, M., Frey, S., Knoblauch, V., & Wirz-Justice, A. (2013). Evidence that the lunar cycle influences human sleep. Current biology, 23(15), 1485-1488. doi:10.1016/j.cub.2013.06.029.
3. Ci sono stati un paio di gruppi che hanno confermato e un gruppo che ha smentito tale conclusione

Scritto da

Gianluigi Filippelli Gianluigi Filippelli

Ha conseguito laurea e dottorato in fisica presso l’Università della Calabria. Tra i suoi interessi, la divulgazione della scienza (fisica e matematica), attraverso i due blog DropSea (in italiano) e Doc Madhattan (in inglese). Collabora da diversi anni al portale di critica fumettistica Lo Spazio Bianco, dove si occupa, tra gli altri argomenti, di fumetto disneyano, supereroistico e ovviamente scientifico. Last but not least, è wikipediano.

Categorie