Guida a Musei e Mostre in realtà virtuale dell’INAF


La redazione di EduINAF insieme a “Polvere di Stelle” ha stilato una piccola “guida turistica digitale” per accompagnarti attraverso i musei e le mostre virtuali capaci di raccontare la storia, e il futuro dell’astrofisica italiana.

“La cultura è l’unico bene dell’umanità che, diviso fra tutti, anziché diminuire diventa più grande”, così si esprimeva il filosofo tedesco Hans Georg Gadamer in un’intervista rilasciata nel 1999. I giorni che stiamo vivendo, come mai prima d’ora, ci mettono alla prova tentando di ridefinire le nostre abitudini, cambiandole forse per sempre.  Ed è allora che ci viene affidato un compito fondamentale, quello di diffondere in tutto il mondo cultura e Bellezza, una bellezza che ha la forma di uno Stivale adagiato su un placido mare.

Per assolvere a questa missione, nell’ultimo periodo si sono moltiplicate sul web le iniziative per consentire ai visitatori virtuali, comodamente seduti in pantofole sui propri divani, di non perdere la programmazione delle principali istituzioni culturali. Anche l’INAF, con il suo patrimonio storico e scientifico, si è adeguato a questo nuovo modo di vivere la cultura andando a riscoprire i propri tour e mostre virtuali.

Tour virtuali

Museo La Specola

Sede: Osservatorio Astronomico di Padova

Tipologia: tour virtuale

Realizzato da: INAF – Osservatorio Astronomico di Padova

Durata stimata della visita: da 20 a 40 minuti

Breve descrizione: Con una storia di oltre 250 anni La Specola di Padova ospita un museo astronomico che raccoglie tutti gli strumenti che sono serviti agli astronomi per svelare i segreti del cosmo. Dai piani di costruzione, ai registri delle osservazioni del tempo atmosferico e del cielo all’affresco, coevo alla costruzione della Specola, con la rappresentazione del Sistema Solare noto all’epoca, tutto testimonia che ci troviamo in un luogo che ha unito storia e tecnologia, un legame che oggi è ancora più evidente grazie a un tour virtuale nuovo di zecca. Mediante questo nuovo strumento virtuale potrai salire i 200 gradini che compongono la torre dell’osservatorio attraversando le sale, la storia e la scienza di questo luogo.

Modalità di fruizione: il tour è ottimizzato sia per PC che per una visione tramite visori 3D

Link: Tour virtuale

Per saperne di più: Museo La Specola

Radiotelescopi di Medicina

Sede: Istituto di Radioastronomia Bologna

Tipologia: tour virtuale

Realizzato da: Giovanni Alvito (INAF – Osservatorio di Cagliari)

Durata stimata della visita: da 15 a 30 minuti

Breve descrizione: A 30 km da Bologna sorge il radiotelescopio di Medicina che ospita la grande Croce del Nord, il primo radiotelescopio realizzato in Italia nel 1964. Affianco a questo strumento, che è tra i più grandi al mondo per area collettiva, si trova la parabola da 32 metri di diametro. Se vuoi conoscere la scienza e la tecnologia che c’è dietro questi grandi strumenti, ecco un fantastico tour virtuale che ti permetterà di salire in cima alla parabola, di scoprire la sala ricevitori, il vero e proprio occhio di questo strumento per poi scendere e ammirare il primo radiotelescopio italiano.

Modalità di fruizione: il tour è ottimizzato solo per PC. E’ anche necessario aver installato sui propri dispositivi Flash Player

Link: Tour ai radiotelescopi di Medicina

Per saperne di più: I radiotelescopi

Centro visite Marcello Ceccarelli

Sede: Istituto di Radioastronomia Bologna

Tipologia: tour virtuale

Realizzato da: Giovanni Alvito (INAF – Osservatorio Astronomico di Cagliari)

Durata stimata della visita: da 15 a 30 minuti

Breve descrizione: A fianco dei grandi radiotelescopi di Medicina, sorge il Centro Visite Marcello Ceccarelli. Un centro, dedicato al pubblico e alle scolaresche, dove potrai scoprire cos’è la radioastronomia, con quali strumenti gli astronomi indagano l’Universo alle frequenze radio e i progetti di ricerca attivi nel nostro Paese. Con questo tour virtuale ti accompagneremo all’interno del Centro Visite, dove potrai toccare e interagire con un click del mouse alcuni degli exhibit presenti.

Modalità di fruizione: il tour è ottimizzato solo per PC. E’ anche necessario aver installato sui propri dispositivi Flash Player

Link: Tour virtuale

Per saperne di più: Il centro visite M. Ceccarelli

Museo degli Strumenti Astronomici

Sede: Osservatorio Astronomico di Capodimonte

Tipologia: tour virtuale

Realizzato da: Google

Durata stimata della visita: da 15 a 30 minuti

Breve descrizione: Il Museo degli strumenti astronomici di Napoli ti accompagna attraverso lo sviluppo della ricerca astronomica che l’Osservatorio di Napoli ha attraversato e che ha contribuito a scrivere nel corso dei secoli.
Tramite questo tour virtuale, realizzato da Google, potrai aggirarti tra le sale del museo ammirando i preziosi strumenti esposti, datati da metà Cinquecento fino alla metà del Novecento, realizzati in ottone o legno cesellato, soffermandoti su ogni oculare, ogni scala graduata, ogni stampa e disegno che rappresentano delle straordinarie e uniche opere d’arte capaci di raccontare oltre due secoli di vita dell’astronomia a Napoli.

Modalità di fruizione: il tour è ottimizzato solo per PC.

Link: Tour virtuale

Per saperne di più: Museo degli Strumenti Astronomici

Museo della Specola

Sede: Osservatorio Astronomico di Palermo

Tipologia: tour virtuale

Realizzato da: INAF – Osservatorio Astronomico di Palermo

Durata stimata della visita: da 20 a 40 minuti

Breve descrizione: Il Museo dell’Osservatorio di Palermo, ospitato nei locali dell’antico Osservatorio Astronomico in cima alla Torre Pisana di Palazzo dei Normanni, conserva strumenti astronomici risalenti al XVIII e XIX secolo. Questo tour virtuale ti farà viaggiare nei due secoli di vita di questa istituzione dove, attraverso il movimento del mouse, potrai aggirarti liberamente tra le sale del museo ammirando il telescopio Merz, il cerchio meridiano, i telescopi appartenuti a Giulio Tommasi di Lampedusa, strumenti astronomici, di meteorologia, di fisica e topografia, per poi raggiungere la meravigliosa terrazza dalla quale potrai ammirare una splendida vista della città siciliana.

Modalità di fruizione: il tour è ottimizzato solo per PC tramite Edge, Chrome e Firefox.

Link: Tour virtuale

Per saperne di più: Museo della Specola

Sardinia Radio Telescope

Sede: Sardinia Radio Telescope

Tipologia: tour virtuale

Realizzato da: Giovanni Alvito (INAF – Osservatorio Astronomico di Cagliari)

Durata stimata della visita: da 20 a 30 minuti

Breve descrizione: Tutti vorrebbero visitare il Sardinia Radio Telescope al suo interno, salire sulla parabola da 64 metri di diametro, poter vedere da vicino la tecnologia che monta al suo interno. Ma SRT non è purtroppo accessibile al pubblico per motivi di sicurezza. Pertanto Giovanni Alvito, ricercatore dell’INAF Osservatorio Astronomico di Cagliari, ha realizzato un tour virtuale dell’antenna, disponibile online per chiunque voglia curiosare di fronte alla rotaia, o vedere da vicino la ruota di elevazione, o capire come è fatto uno dei pannelli della superficie attiva. Il tutto rigorosamente a 360°. Con questo tour potrai visitare, virtualmente si intende, ben 12 diversi ambienti spostandoti con un semplice click del mouse.

Modalità di fruizione: il tour è ottimizzato solo per PC.

Link: Tour virtuale

Per saperne di più: SRT

Telescopio Nazionale Galileo

Sede: Telescopio Nazionale Galileo

Tipologia: tour virtuale

Durata stimata della visita: da 20 a 30 minuti

Breve descrizione: Se sei stufo di stare a casa e vuoi regalarti  un giro virtuale all’estero ecco un tour virtuale alla scoperta del più grande telescopio italiano, il Telescopio Nazionale Galileo (TNG), situato nell’isola di La Palma. Questo tour, partendo da una visione a 360° della Roque de Los Muchachos, ti porterà all’interno del TNG mostrandoti la sala di controllo dello strumento arrivando fino ai piedi del grande del telescopio.

Modalità di fruizione: il tour è ottimizzato per PC

Link: Tour virtuale

Per saperne di più: TNG (sito in inglese)

Mostre virtuali

Starlight, La nascita dell’astrofisica in Italia

Tipologia: mostra virtuale

Realizzato da: INAF con il patrocinio di MIBACT – ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Breve descrizione: “STARLIGHT” presenta il contributo dato dagli astronomi italiani alla nascita dell’astrofisica nel diciannovesimo secolo, con le prime analisi spettroscopiche della luce stellare.
A scienziati quali Angelo Secchi e Lorenzo Respighi a Roma, Pietro Tacchini a Palermo, Giuseppe Lorenzoni a Padova, Giovan Battista Donati a Firenze si devono risultati importanti, quali una prima classificazione spettrale delle stelle, la realizzazione di strumenti e metodologie per lo studio della luce stellare, lo sviluppo della fisica solare, la costituzione della prima società scientifica dedicata all’astrofisica, ecc.
Le varie sezioni della mostra sono ospitate nelle sedi dove questi astronomi vissero ed operarono, visitabili virtualmente, e “raccontano” il contributo dell’Italia allo sviluppo dell’astrofisica, attraverso il patrimonio storico-scientifico dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, a cui oggi afferiscono gli Osservatori astronomici italiani: strumenti, libri e documenti di archivio, molti dei quali per la prima volta esposti e resi fruibili a tutti.

Link: Starlight

Approfondimento: Starlight, sette millimetri di universo (spettacolo teatrale di Filippo Tognazzo)

Tra Cielo e Terra, l’avventura scientifica di Angelo Secchi

Tipologia: mostra virtuale

Curatori: Ileana Chinnici, Mauro Gargano

Breve descrizione: Tra le molte iniziative programmate nel 2018 per ricordare Angelo secchi, nella ricorrenza del bicentenario dalla nascita è stata realizzata una mostra virtuale che raccontasse della vita personale e scientifica dell’astronomo di Reggio Emilia.
La mostra “Tra cielo e terra” è uno spaccato del ricco patrimonio storico-scientifico che Secchi ci ha lasciato cercando di suscitare l’interesse e la curiosità, nello studioso come nel comune cittadino, nello studente come nello storico, e che possa essere di stimolo per approfondire la conoscenza di questo straordinario “Padre” della scienza italiana del XIX secolo.

Link: Tra cielo e terra

Approfondimento: Sulle tracce di Angelo Secchi (a cura di Zelda compagnia teatrale e INAF)

Federigo Zuccari, L’astronomo gentile

Tipologia: mostra virtuale

Curatori: Mauro Gargano

Breve descrizione: Nel 2017, in occasione del 200esimo anniversario della morte di Federigo Zuccari, l’astronomo che nel 1812 fondò l’Osservatorio astronomico di Capodimonte, è stata inaugurata una mostra virtuale che offre l’occasione per ricostruire e ripercorrere la biografia e le attività astronomiche dello scienziato che in sette anni riuscì a dare a Napoli un vero osservatorio astronomico, uno straordinario edificio che il barone Franz Xaver von Zach non esitò a definire “il Vesuvio dell’astronomia”. Grazie ai tuoi dispositivi digitali potrai ripercorrere la breve ma intensa vita del fondatore dell’Osservatorio di Capodimonte

Link:  Federico Zuccari, L’astronomo gentile