Per la scuola

Imparare la scienza con astroEDU Italia

Inizia le pubblicazioni astroEDU Italia, prima localizzazione del portale didattico in lingua inglese astroEDU

La piattaforma didatica astroEDU, nata nel 2010 a Cape Town, in Sud Africa, a latere del congresso Communicating Astronomy with the Public, ha iniziato le pubblicazioni nel 2013, proponendo agli insegnanti attività didattiche a tema astronomico.
La forza del progetto sta in alcuni elementi caratteristici che lo distinguono dalla maggior parte dei repository didattici che si trovano on-line. Innanzitutto il processo di revisione: ogni attività deve superare una peer review del tutto analoga a quella a cui vengono sottoposti gli articoli scientifici. Nel caso di astroEDU, però, i due revisori sono uno specialista dei contenuti scientifici e un docente esperto del segmento scolastico a cui l’attività didattica si rivolge.
Altri elementi essenziali sono la categorizzazione delle attività in base ai livelli scolastici, all’età, all’argomento. In particolare la redazione propone delle collezioni di attività analoghe che possono così essere utilizzate per creare dei veri e propri percorsi didattici che si possono integrare all’interno della regolare programmazione scolastica.
Infine, per rendere efficace la piattaforma e il suo obiettivo di valorizzare la qualità del lavoro degli insegnanti, a ciascuna attività pubblicata viene attribuito un codice univoco (Doi) del tutto simile a quelo adottato per gli articoli scientifici.
Alla versione internazionale della piattaforma, si è affiancata da alcune settimane la versione in italiano, che al momento propone la traduzione nella nostra lingua delle attività precedentemente pubblicate in inglese.
Nei prosimi mesi proseguiranno le pubblicazioni delle traduzioni in italiano delle attività, mentre anche Edu INAF si attiverà in tal senso: sono in revisione e preparazione alcune attività che popoleranno la sezione apposita del sito e nei prossimi mesi vi comunicheremo come sottometterci le vostre attività, le migliori delle quali potranno diventare attività astroEDU! (1)Parte di questo testo viene dalla news scritta da Stefano Sandrelli per Media INAF

Note

1. Parte di questo testo viene dalla news scritta da Stefano Sandrelli per Media INAF

Scritto da

Stefano Sandrelli Stefano Sandrelli

Tecnologo dell'Inaf presso l’Osservatorio Astronomico di Brera. E' stato responsabile nazionale della Didattica e Divulgazione per l’Ufficio Comunicazione dell’INAF dal 2016 al 2020. Docente del corso “nuovi modi per comunicare l’astronomia” per il master MACSIS, Università Bicocca. Collaboratore della rivista Sapere, per la quale tiene la rubrica Spazio alla scuola. Dal maggio 2000 al dicembre 2015 ha curato per l’ Agenzia Spaziale Europea (ESA) oltre 500 puntate di una rubrica televisiva in onda da Rainews24 e RAI 3. Autore per Zanichelli, Einaudi e Feltrinelli.

Gianluigi Filippelli Gianluigi Filippelli

Ha conseguito laurea e dottorato in fisica presso l’Università della Calabria. Tra i suoi interessi, la divulgazione della scienza (fisica e matematica), attraverso i due blog DropSea (in italiano) e Doc Madhattan (in inglese). Collabora da diversi anni al portale di critica fumettistica Lo Spazio Bianco, dove si occupa, tra gli altri argomenti, di fumetto disneyano, supereroistico e ovviamente scientifico. Last but not least, è wikipediano.

Categorie