Per la scuola

I corsi di formazione dell’Osservatorio di Bologna

L’Osservatorio di Astrofisica e di Scienza dello Spazio di Bologna ha reso disponibili sulla piattaforma SOFIA del MIUR ben tre corsi di formazione per i docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado: vediamoli in dettaglio.

Novità in arrivo per l’inizio dell’anno scolastico 2018/2019. L’Osservatorio di Astrofisica e di Scienza dello Spazio di Bologna (INAF OAS Bologna) ha reso disponibili sulla piattaforma SOFIA del MIUR ben tre corsi di formazione per i docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado: un corso di astronomia, un corso di tinkering e un corso di coding con Scratch. Vediamoli nel dettaglio, uno per uno.

L’obiettivo del corso di astronomia, rivolto ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado, è quello di fornire approfondimenti scientifici e strumenti operativi per collegare fenomeni astronomici alla vita quotidiana dei ragazzi, nonché alla programmazione scolastica, valorizzando l’approccio inquiry based learning. Nei primi tre incontri i partecipanti verranno coinvolti in esperienze laboratoriali replicabili in classe, sui seguenti temi: moti della Terra e della Luna; atmosfera terrestre e atmosfere planetarie; Sole, stelle, costellazioni; pianeti del Sistema solare; ricerca vita extraterrestre e sistemi di comunicazione. Ogni partecipante effettuerà la sperimentazione individuale di quanto appreso con la propria classe e i risultati verranno documentati per diventare oggetto di discussione e valutazione durante l’ultimo incontro. La durata totale del corso è di 25 ore. Il responsabile è Sandro Bardelli.
Informazioni dettagliate anche su Edu INAF

Il corso di tinkering si propone di fornire ai docenti che vogliono farsi portatori di questo nuovo modo di interpretare la cultura tecnica e scientifica, gli strumenti culturali, tecnici e materiali per poterlo fare con successo. Il tinkering è una nuova metodologia educativa per l’apprendimento delle discipline STEM con un forte potenziale per lo sviluppo di innovazione, creatività e motivazione. Oggi viene considerata come una modalità molto efficace nel coinvolgere persone con diversi livelli di esperienza e interesse nell’esplorazione di concetti, pratiche e fenomeni legati alla scienza e alla tecnologia. INAF OAS Bologna è da anni che sperimenta questo metodo nelle classi di Bologna e, nell’ultimo anno, presso il Museo del Patrimonio Industriale (PAT) di Bologna con l’Officina degli errori. In questo corso, dopo le lezioni introduttive, gli insegnanti si cimenteranno in sessioni di tinkering e si metteranno in gioco anche come facilitatori. Lo scopo ultimo del corso è quello di dare un’opportunità agli studenti di sviluppare le cosiddette competenze del ventunesimo secolo. La durata totale del corso è di 25 ore. La responsabile è Sara Ricciardi.

Il corso di coding con Scratch, rivolto ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado, ha lo scopo di fornire le conoscenze e le abilità per portare in classe in modo efficace il coding con Scratch e mBlock, nonché di proporre alcune applicazioni che utilizzano Makey Makey e mBot, per sviluppare conoscenze legate all’interazione tra computer e mondo esterno, e di robotica. Si propone di fornire ai docenti gli strumenti per sviluppare abilità di problem solving applicate al coding; sviluppare il pensiero computazionale e imparare a programmare con Scratch; acquisire le conoscenze e le abilità per riuscire a proporre agli studenti progetti da affrontare in classe nel corso dell’anno scolastico. Le competenze acquisite saranno sia logico-matematiche sia sociali poiché tutti i progetti proposti saranno focalizzati allo sviluppo del team-working. La durata totale del corso è di 28 ore. La responsabile è Maura Sandri.

Scritto da

Sara Ricciardi Sara Ricciardi

Ricercatore presso l'Osservatorio di Astrofisica e di Scienza dello Spazio di Bologna. Nel campo della didattica e della divulgazione, si occupa di attività di tinkering per le scuole.

Sandro Bardelli Sandro Bardelli

Ricercatore astronomo presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica-Osservatorio Astronomico di Bologna. Il suo ambito di ricerca è la cosmologa osservativa, la struttura su grande scale dell’Universo e l’evoluzione delle galassie, tramite grandi survey spettroscopiche e immagini da satellite. Ha usato i maggiori telescopi ottici, radio e nella banda X e ha lavorato all’Osservatorio di Meudon/Paris, all’Osservatorio di Trieste eall’ESO (Germania). È autore di più di 200 pubblicazioni scientifiche. Inoltre è il responsabile per la didattica e la divulgazione presso l’Osservatorio Astronomico di Bologna e cura eventi, lezioni e corsi di aggiornamento per insegnanti.

Categorie