INAF e società

Alla scoperta dei nuovi INAF Online Lab

La nuova proposta EduINAF per questi tempi di pandemia: gli INAF Online Lab, un nuovo modo di portare gli esperimenti in casa

Aggiornato il 27 Novembre 2020

inaf_online_lab-banner

Prenderanno il via tra pochi giorni e prevedono di incuriosire e divertire centinaia di bambini e ragazzi da tutta Italia: stiamo parlando degli INAF Online Lab, la nuova idea firmata EduINAF nata nel pieno dell’emergenza COVID-19 per affiancare e supportare la didattica tradizionale, che vive oggi un momento di estrema incertezza. Si tratta di laboratori virtuali che permettono ai giovani partecipanti di toccare con mano l’astronomia e imparare la scienza… giocando con la scienza!
Gli INAF online Lab sono già inseriti, con un innovativo format tutto digitale, nel programma di vari Festival della scienza: dall’edizione di quest’anno del Festival Futuro Remoto (20-29 Novembre) al Festival National Geographic (23-29 Novembre), per finire con la Notte Europea dei Ricercatori di varie città italiane che si terrà tra il 23 e il 27 Novembre.

Aspettando la riapertura delle attività in presenza, eventi di questo tipo permettono di prendere per mano virtualmente quegli stessi studenti con cui solo un anno fa era possibile, e anzi naturale, interagire dal vivo. Gli INAF Online Lab lo fanno regalando, in ogni laboratorio, una piccola pillola auto-conclusiva di conoscenza astrofisica, ben integrata all’interno di una cornice ludica e ricreativa. Bambini e ragazzi, di età compresa approssimativamente tra gli 8 e i 13 anni, sono guidati attraverso l’intera attività da un operatore esperto che li rende protagonisti dell’avventura e dà loro l’occasione di vestire i panni dell’astronomo e interrogarsi sui grandi misteri dello spazio.

I laboratori online attualmente attivi sono tre e sono stati ottimizzati nei mesi appena trascorsi per essere perfettamente fruibili in modo interattivo e a costo praticamente zero.  Un computer connesso ad internet, forbici, colla e poco altro: con materiali facilmente reperibili a scuola o a casa è possibile costruire il modellino del più grande radiotelescopio d’Italia, il Sardinia Radio Telescope; realizzare uno spettroscopio con un vecchio CD-ROM per osservare da vicino il fenomeno della diffrazione della luce; e ancora giocare con le grandezze e le distanze dei pianeti del nostro Sistema Solare. Il tutto in poco meno di un’ora, questa la durata massima di un laboratorio.

Se vi state chiedendo come fare per partecipare ad un INAF Online Lab, la risposta è semplice: sarà sufficiente prenotare il laboratorio seguendo le modalità definite direttamente sul sito dedicato del Festival che avete scelto, virtualmente, di visitare.

In futuro la rosa dei laboratori disponibili verrà arricchita e tutti i laboratori potranno essere prenotati dalle scuole direttamente su EduINAF, dove compariranno istruzioni precise e un calendario aggiornato.

Per ora non ci resta che augurarvi buon divertimento, sperando con questo nuovo viaggio di abbattere insieme a voi i muri tra cui siamo fisicamente rinchiusi e farvi volare, fosse anche solo con la fantasia, nei meandri dell’universo lontano.

Scritto da

Categorie