Libri

Primo incontro con il cielo stellato

Daniele Gasparri scrive una guida completa all'osservazione del cielo stellato, utile sia per gli astrofili esperti sia per i principianti

Un manuale indicato per chi si avvicina per la prima volta all’astronomia, per chi è completamente a digiuno non solo di nozioni fisico-matematiche necessarie per una conoscenza approfondita della materia, per chi, indipendentemente dalle sue conoscenze teoriche, si vuole avvicinare al fantastico mondo dell’osservazione amatoriale, in una parola, per chi ha sia la voglia che la passione per diventare un astrofilo.

Una guida alle stelle

Testo, chiaro e scorrevole, nasce dall’esperienza e dalla passione dell’autore, che, come lui stesso racconta nell’introduzione, si è avvicinato a questo mondo sin dalla più tenera infanzia. L’autore, all’epoca della prima uscita del volume (fine 2011 circa) era un giovane studente del Corso di Laurea in Astronomia dell’Università di Bologna, e astrofilo appassionato da molti anni, e quindi già con l’esperienza di chi ha imparato a osservare il cielo dai suoi errori. La struttura stessa di questo testo, è indicativa anche del percorso che porta chi è completamente digiuno della materia a diventare un appassionato astrofilo. Dopo una breve introduzione, che raccomanda il giusto approccio alla materia, ma soprattutto la pazienza, requisito indispensabile e inevitabile per chi vuole comprendere e osservare le meraviglie del cosmo. Segue il primo capitolo che introduce qualche nozione, molto basilare ed elementare, di Astronomia sferica e dei problemi inevitabili (come il seeing) che si incontrano nell’osservazione da terra. Il secondo capitolo parla dell’osservazione ad occhio nudo, tecnica da non sottovalutare, in quanto i nostri antenati così osservavano il cielo fino a circa cinque secoli fa. Il terzo capitolo tratta dell’osservazione binoculare, quindi con uno strumento di facile reperibilità, trasportabile, economico e semplice da usare. Infine, il quarto capitolo, finalmente, introduce al fantastico mondo dei telescopi amatoriali, in genere non facili da usare, ma che aprono le porte di un mondo fantastico, fatto di un cielo fuori da ogni immaginazione, popolato di stelle che ad occhio nudo sembrano luci tremule e indistinte, ma spesso si rivelano essere doppie, triple, o variamente colorate, o di pianeti, oggetti puntiformi a occhio nudo confusi dal neofita per stelle, ma che si svelano in tutta la loro affascinante bellezza, come le macchie di Giove e i suoi satelliti, gli anelli di Saturno, il blu intenso di Urano, il rosso striato di Marte, o ancora di oggetti impossibili da vedere a occhio nudo: le lontanissime galassie, gli sfuggenti asteroidi, le nane bianche, e tante altre meraviglie che non mi dilungo a illustrare qui.

Per concludere, il libro è disponibile sia in formato cartaceo (giunto alla terza edizione) sia in formato elettronico (seconda edizione). In particolare l’edizione cartacea presenta degli interessanti capitoli aggiuntivi, che approfondiscono la materia, e non ultimo, degli ottimi gadget forniti a corredo del volume, quali delle utilissime mappe stellari comprendenti le 58 costellazioni osservabili, a seconda delle stagioni e del luogo, dai cieli Italiani.

Abbiamo parlato di:
Primo incontro con il cielo stellato
Daniele Gasparri
lulu.com, 30 gennaio 2013
565 pagine, brossurato – € 18,20
Seconda edizione in formato pdf al prezzo di € 3.20

Scritto da

Massimo Aprile Massimo Aprile

Lavora dal 1997 all’Osservatorio Astrofisico di Torino – Istituto Nazionale di Astrofisica. Da piu’ 30 anni si occupa di ICT, sviluppo software, amministrazione di sistema, ed è stato anche web administrator del sito dell’Osservatorio Astrofisico di Torino e di altri siti nel campo della didattica e divulgazione. Attualmente lavora nel gruppo D&D dell’INAF-OATo, dove si occupa, fra le altre cose, dell’organizzazione del Barcamp per l’Astronomia Cieli Piemontesi, una sinergia fra astrofili, appassionati di Astronomia e astronomi professionisti, e promuove varie iniziative nell’ambito della lotta all’inquinamento luminoso.

Categorie