Per la scuola

Una chioma nel cielo

Utilizzando l'attività astroedu "L'ammasso di galassie della Chioma" è possibile avvicinare gli studenti alle galassie, alle loro strutture e alla loro evoluzione.
Immagine in falsi colori della regione centrale dell’Ammasso della Chioma presa con il telescopio spaziale Spitzer della NASA – via commons

Alzando gli occhi nella direzione della costellazione della Chioma di Berenice, ci si può imbattere nell’Ammasso della Chioma. In generale

Gli ammassi di galassie sono tra le strutture più grandi presenti nell’Universo, sono costituiti da centinaia o migliaia di galassie gravitazionalmente legate tra loro. Tutte le galassie che compongono l’ammasso sono ravvicinate le une alle altre, come nell’ammasso della Chioma. Ammassi, gruppi e alcune galassie isolate potrebbero far parte di strutture ancora più grandi dette superammassi. A più grande scala nell’universo visibile i superammassi sono raccolti in filamenti e circondati dal vuoto. Ci si riferisce spesso a queste strutture come “ragnatela cosmica” (cosmic web).

In particolare utilizzando tale struttura cosmica l’attività L’ammasso di galassie della Chioma permette agli studenti di avvicinarsi alla classificazione delle galassie e alla loro evoluzione utilizzando immagini realmente osservate dal telescopio Hubble.

Scritto da

Gianluigi Filippelli Gianluigi Filippelli

Ha conseguito laurea e dottorato in fisica presso l’Università della Calabria. Tra i suoi interessi, la divulgazione della scienza (fisica e matematica), attraverso i due blog DropSea (in italiano) e Doc Madhattan (in inglese). Collabora da diversi anni al portale di critica fumettistica Lo Spazio Bianco, dove si occupa, tra gli altri argomenti, di fumetto disneyano, supereroistico e ovviamente scientifico. Last but not least, è wikipediano.

Categorie