Per la scuola

Esplorare il Sistema Solare con New Horizons

In occasione del concorso NASA per rinominare 2014 MU69, vi segnaliamo due risorse didattiche sul Sistema Solare da portare in classe.

Aggiornato il 28 Settembre 2020

Interpretazione artistica di 2014 MU69, il nuovo obiettivo di New Horizons. La rappresentazione è basata sulle osservazioni telescopiche fatte in Patagonia (Argentina) il 17 luglio 2017 (via commons)

La sonda New Horizons della Nasa è arrivata all’attenzione del grande pubblico grazie alle prime immagini dettagliate su Plutone scattate a metĂ  luglio 2015. Ora la sonda si sta avvicinando sempre piĂą al limite esterno del Sistema Solare, un oggetto ghiacciato sulla parte piĂą esterna della fascia di Kuiper denominato (486958) 2014 MU69. La Nasa ha allora chiesto un piccolo aiuto dal pubblico per rinominare in maniera informale questo piccolo oggetto cosmico. Il “concorso“, però, può costituire un ottimo punto di partenza per coinvolgere gli studenti nello studio del Sistema Solare, ad esempio utilizzando due interessanti risorse didattiche come Un modello del Sistema Solare sulla mappa della cittĂ  (astroEDU) e Costruzione del Sistema Solare in scala (Edu INAF). Le due risorse propongono due differenti attivitĂ  per avvicinarsi alla struttura del nostro sistema stellare e a concetti come distanza e proporzione.

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scritto da

Gianluigi Filippelli Gianluigi Filippelli

Ha conseguito laurea e dottorato in fisica presso l’Università della Calabria. Tra i suoi interessi, la divulgazione della scienza (fisica e matematica), attraverso i due blog DropSea (in italiano) e Doc Madhattan (in inglese). Collabora da diversi anni al portale di critica fumettistica Lo Spazio Bianco, dove si occupa, tra gli altri argomenti, di fumetto disneyano, supereroistico e ovviamente scientifico. Last but not least, è wikipediano.

Categorie