Premi e concorsi

Fate largo ai sognatori!

Concorso di scrittura dell'INAF per i più piccoli, fra astronomia e fantasia, cercando Gianni Rodari.
Occorre una grande fantasia, una forte immaginazione per essere un vero scienziato, per immaginare cose che non esistono ancora e scoprirle, per immaginare un mondo migliore di quello in cui viviamo e mettersi a lavorare per costruirlo.Gianni Rodari - aprile 1970
gianni_rodari
Gianni Rodari

In occasione del centenario della nascita di Gianni Rodari (23 Ottobre 1920), l’Istituto Nazionale di Astrofisica indice un concorso nazionale di scrittura per gli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado: A Gianni Rodari, via Lattea quaraquarinci. Il concorso, curato da Sandro Bardelli, Adamantia Paizis, Anna Wolter ed Elena Zucca, trae ispirazione dalla profonda leggerezza dei testi dello Scrittore, Poeta e Maestro Gianni Rodari, nella speranza che la semplicità con cui giocava con le parole, i paradossi, la realtà e la fantasia possa accompagnare i ragazzi di oggi come quelli di ieri. In questo spirito, l’evento si avvale della collaborazione di Emanuela Bussolati, autrice, illustratrice e ideatrice di libri e collane per bambini, tradotta in diversi paesi del mondo.

Illustrazione di Emanuela Bussolati per il Concorso Gianni Rodari 2020
Illustrazione di Emanuela Bussolati

I partecipanti sono invitati a scrivere una storia a tema astronomico partendo da un trinomio fantastico: un corpo celeste, un oggetto terrestre e un’emozione. Il loro contributo è di fondamentale importanza: il libro di fantasia astronomica di Gianni Rodari sta infatti evaporando fra i pianeti e bisogna intervenire prima che sia troppo tardi e che vada perduto! Le opere che ci vengono in aiuto per ricomporre il libro, come goccioline del testo completo, dovranno essere in forma di racconto o poesia, fra finzione e realismo, sul Sistema Solare e le sue frontiere, prendendo ispirazione dalle lune a forma di tortellino, dalle zuppe di diamanti, insieme agli specifici contenuti didattici che verranno presentati sul sito di EduINAF. I testi devono essere inviati entro il 25 Dicembre 2020.

Tutte le indicazioni sul concorso e le informazioni per partecipare sono al link EduINAF .

Questo evento nasce all’interno del Gruppo Storie di INAF, di recente formazione, che si occupa di divulgazione scientifica attraverso la letteratura e il teatro. Siamo un gruppo pieno di idee e passione: Adamantia Paizis, Stefano Sandrelli e Anna Wolter a Milano; Francesca Brunetti ad Arcetri; Sandro Bardelli, Elena Zucca e Daria Guidetti a Bologna; Daniele Gardiol a Torino; Davide Coero Borga a Roma. Un gruppo attento all’abbraccio fra stelle e parole.

Concorso_2018_Angela_10anni_A_letto_sulla_Luna_107-1
A letto sulla Luna (Angela, 10 anni)

Uno dei nostri obiettivi è fare emergere quanto viene prodotto da INAF in questo campo, valorizzarlo e farlo conoscere come patrimonio dell’Ente a disposizione di tutti. È il caso del portfolio degli spettacoli teatrali, concerti, readings e conferenze spettacolo dell’INAF in arrivo fra le pagine di EduINAF a breve; o delle letture di alcuni testi di Gianni Rodari in arrivo su Universi da ascoltare, i podcast con gli estratti dei libri di astronomia per bambini e ragazzi prodotti da Polvere di Stelle in collaborazione con l’Osservatorio Astrofisico di Arcetri.
Siamo innamorati del modo in cui la letteratura sa svelare con leggerezza gli aspetti della scienza meno noti o più difficili da divulgare: la complessità, le implicazioni, il legame con la fantasia e l’intuizione, persino i paradossi. Oltre alle attività legate a Gianni Rodari, sono previsti progetti ispirati ad altri scrittori. Per esempio alcune video-pillole sull’Universo attraverso testi di Italo Calvino e Primo Levi, sempre su EduINAF. Per non parlare di tante altre idee colorate che ci frullano in testa. Insomma ce n’è per tutti, grandi e piccini, in volo tra scienza, fantascienza e fantasia.

Fra le iniziative legate a Gianni Rodari cui l’INAF ha aderito, oltre al concorso di scrittura per le scuole e le letture su Universi da ascoltare, segnaliamo  il recente incontro con i docenti nell’ambito del festival dell’astronomia Galassica, e la maratona Rodari del 23 ottobre cui partecipano anche Stefano Sandrelli e Davide Coero Borga dell’INAF. Nella maratona, dalle 15, partirà la diretta streaming di testimonianze e letture da parte di esperti del mondo della cultura, del giornalismo e dello spettacolo. Sono previste anche attività di laboratorio per i più piccoli.

Come diceva il Maestro Rodari: Fate largo ai sognatori!

Scritto da

Adamantia Paizis Adamantia Paizis

Laureata in Fisica presso l’Università degli Studi di Milano, dopo aver conseguito il Dottorato di Ricerca in Astrofisica a Ginevra, è tornata a Milano presso l’INAF-IASF dove attualmente è ricercatrice. Nel tempo libero ama leggere e scrivere.

Sandro Bardelli Sandro Bardelli

Ricercatore astronomo presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica-Osservatorio Astronomico di Bologna. Il suo ambito di ricerca è la cosmologa osservativa, la struttura su grande scale dell’Universo e l’evoluzione delle galassie, tramite grandi survey spettroscopiche e immagini da satellite. Ha usato i maggiori telescopi ottici, radio e nella banda X e ha lavorato all’Osservatorio di Meudon/Paris, all’Osservatorio di Trieste eall’ESO (Germania). È autore di più di 200 pubblicazioni scientifiche. Inoltre è il responsabile per la didattica e la divulgazione presso l’Osservatorio Astronomico di Bologna e cura eventi, lezioni e corsi di aggiornamento per insegnanti.

Anna Wolter Anna Wolter

Si laurea all’Università degli Studi di Milano. Lavora quindi presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, Cambdrige, MA (USA). Ora è Prima Ricercatrice all’INAF-Osservatorio Astronomico di Brera ove si occupa di astronomia extragalattica multibanda, utilizzando di preferenza dati di alta energia. Studia in particolare nuclei attivi di galassie e sorgenti ultraluminose nella banda X in galassie esterne. Ha fatto parte del Comitato Direttivo della Divisione D (Alte Energie) dell’Unione Astronomica Internazionale (IAU). Dall’inizio di questo secolo dedica una frazione importante del suo tempo all’insegnamento e alle attività divulgative per vari tipi di pubblico. È correlatrice di varie tesi di Laurea presso le Università degli Studi di Milano. Ha tenuto più di 100 conferenze per il pubblico generico e altrettante per le scuole. Responsabile per la Lombardia delle Olimpiadi Italiane di Astronomia. Dal 2010 rappresenta l’Italia nella Rete di Divulgazione Scientifica dell’Osservatorio Europeo Australe (European Southern Observatory, ESO).

Categorie