Orione

Descrizione

Forse la più bella tra le costellazioni, sicuramente tra le più facili da individuare.

È abbastanza evidente la figura del cacciatore con lo scudo e il bastone pronto a colpire il Toro, la cintura e la spada appesa a quest’ultima.

Ai suoi piedi si trovano le costellazioni rappresentanti i suoi due cani da caccia favoriti, il Cane Maggiore ed il Cane Minore.

Oggetti celesti più importanti

Alpha Orionis, ovvero Betelgeuse, marca la parte iniziale del braccio destro di Orione.

Betelgeuse è una stella pulsante di grande massa distante 590 anni luce; le sue pulsazioni, il cui periodo è di quasi 6 anni, causano una notevole variazione nella sua luminosità.

Beta Orionis, ovvero Rigel, marca il ginocchio sinistro di Orione ed è una delle stelle più brillanti tra quelle conosciute (è la sesta più luminosa).

Attualmente Rigel è luminosa quanto Betelgeuse al suo massimo nonostante disti da noi quasi il doppio (900 anni luce); questo perché è una stella ancora giovane.
Rigel è in realtà una stella doppia ma la compagna non è facilmente visibile a causa della grande brillantezza di Rigel.

Gamma Orionis, nota come Bellatrix, marca la spalla destra di Orione; dista da noi la metà di Rigel ma è 25 volte meno luminosa di quest’ultima.

M42 – via commons

M42, ovvero la spettacolare Nebulosa di Orione, posta proprio in mezzo alla spada del grande cacciatore e visibile ad occhio nudo. Questa nebulosa dista 1.630 anni luce ed ha un diametro di 100 anni luce.
Si tratta di una complessa massa di idrogeno gassoso al cui centro si trovano giovani stelle la cui luce illumina il gas circostante rendendo così visibile l’intera nebulosa.

M78 – via commons

M78 è un’altra nebulosa, dal colore bluastro ed illuminata dalla luce emessa dalle stelle che si trovano in tale area.

Barnard 33 – via commons

La Nebulosa Testa di Cavallo, così chiamata poichè la sua parte più scura sembra disegnare la testa di questo animale.

Purtroppo questa splendida nebulosa non è visibile ad occhio nudo.

Mito

Tra le tante storie su questa costellazione raccontiamo la più famosa.

Orione era il più grande cacciatore dei suoi tempi e spesso si trovava cacciare assieme a Diana, dea della caccia.

Quando Apollo, fratello di Diana, si accorse che la sorella stava trascurando i suoi compiti per colpa di Orione, decise di ucciderlo.

Mentre Orione stava nuotando in mare lontano dalla riva, Apollo lo illuminò con un brillante raggio di luce e sfidò Diana a colpire con le sue frecce quel distante punto luminoso.

Diana, che non sapeva dell’inganno, accettò la sfida e colpì Orione con una delle sue frecce uccidendolo.

Quando più tardi ne ritrovò il corpo, lo caricò sul suo carro celeste, volò in cielo e qui lo fissò con stelle brillanti; ai suoi piedi pose i suoi cani da caccia favoriti, il Cane Maggiore ed il Cane Minore.

Ascensione retta centrale: 5 hrs, 30 min

Declinazione centrale: 0°

Visibile in: Inverno, Primavera, emisfero


Facebook Twitter LinkedIn Tumblr WhatsApp E-mail