Lo spazio tra le pagine Arte e letteratura

Pena per le stelle

Intorno alla poesia di Fernando Pessoa, "Ho pena delle le stelle"

Stiamo tutti cercando un rapporto nuovo con il mondo, dunque anche con il cosmo. Per molti versi sentiamo che la consapevolezza si accresce, generazione dopo generazione (come pure, nella nostra evoluzione personale), e ciò che andava bene prima ora, semplicemente, non ci corrisponde più.
Ma forse è anche che questo universo in cui viviamo – grazie principalmente al flusso ininterrotto di nuovi dati astronomici e alla tecnologia che ci permette di venirne a contatto in modo immediato – si svela adesso ai nostri occhi in maniera totalmente inusitata. Per la prima volta nella storia dell’umanitĂ , possediamo descrizioni ed immagini di oggetti fuori dal Sistema Solare, dalla Galassia. Riusciamo a leggere segnali addirittura dai primordi del cosmo. Con un click possiamo accedere, in un instante, alle immagini dettagliate di corpi celesti lontanissimi da noi come Plutone, come pure a panoramiche spettacolari della sua luna Caronte, ottenuti dopo quasi dieci anni di volo dalla sonda New Horizons.

Il poeta Pessoa
Disegno di Davide Calandrini – @davidecalandrini – vedi la versione originale

Pare conseguente che dalla conoscenza accresciuta nasca – o possa comunque nascere – un nuovo rapporto con tutto. Un rapporto che, senza nulla togliere alla precisa sobrietĂ  dell’indagine scientifica, dentro di noi possa anche colorarsi di una sorta di unicissimo mosaico emozionale. Una parte di emozione in effetti può aiutare la conoscenza: per come siamo fatti, ciò che non ci muove niente dentro, ciò che rimane solo nella testa, si dimentica facilmente. Invece, sentire l’universo, poterlo quasi mordere (un po’ come dicevamo per Ungaretti), e non appena comprenderlo razionalmente, ci immette in un rapporto nuovo, vivo, fresco.
In questo (ed anche molto altro) proprio i poeti sono spesso avanti, ci piaccia oppure no (a me piace, perché non sopporto quegli scienziati che si credono possessori di un qualche accesso privilegiato alla conoscenza tout court: la quale è scientifica, certo, ma non solo). Mi sembra questo il caso per Fernando Pessoa, che quasi cento anni fa scriveva questi magnifici versi:

Ho pena delle stelle
che brillano da tanto tempo,
da tanto tempo…
Ho pena delle stelle.

Non ci sarĂ  una stanchezza
delle cose,
di tutte le cose,
come delle gambe o di un braccio?

Una stanchezza di esistere,
di essere,
solo di essere,
l’esser triste lume o un sorriso…

Non ci sarĂ  dunque,
per le cose che sono,
non la morte, bensì
un’altra specie di fine,
o una grande ragione:
qualcosa così,
come un perdono?

Pessoa è uno dei piĂą importanti poeti e scrittori portoghesi e una figura rilevante tra gli artisti del XX secolo. Assai noto per la creazione degli eteronimi, ovvero personalitĂ  poetiche definite e complete (di cui l’autore inventa addirittura data di nascita e morte), facenti in realtĂ  tutti capo alla stessa persona fisica. Pessoa si dedicò per tutta la sua vita, con tenace inventiva, a generare nuove personalitĂ  poetiche, abbandonandone alcune e sviluppandone altre, nel tempo, definendone minuziosamente i percorsi biografici e bibliografici.
Proprio in questa poliedricitĂ  rintraccio un senso di insofferenza per i percorsi troppo usati, sperimento un desiderio di nuovo. Dopotutto, non appare come una interessante anticipazione di quanto – su scala piĂą spicciola – facciamo tutti noi con i vari profili dei social su internet?
Venendo alla poesia riportata, trovo molto interessante il fatto che Pessoa si affacci sull’universo – la contemplazione delle stelle – per ritornare subito a qualcosa di molto umano, a quella stanchezza di esistere che in qualche modo chiede un riscatto, domanda un superamento, o un addensamento di significato. PerchĂ© questa stanchezza? A che scopo? Questo si chiede il poeta.
Nel gioco di attribuzione convinta (e inusuale) di caratteristiche prettamente umane agli oggetti del cosmo, Pessoa supera di slancio il nostro tradizionale modo di pensare “a compartimenti stagni” (una cosa sono le stelle, una cosa il mio entusiasmo, una cosa sono le galassie, altro il mio mal di stomaco), ovvero quel pensare dividendo, nel tentativo lodevole ma un poco maldestro di isolare un ambito, definire un problema: tentazione molto comune anche se ormai sconfessata nella sua utilitĂ , dal pensiero filosofico e psicologico, dove invece è proprio tenendo tutto insieme che si può avviare una ipotesi di comprensione (o di soluzione). Io e l’universo, insomma, polaritĂ  inscindibili di un rapporto che è ormai obbligatorio mantenere saldo, pena lo scadimento in visioni parziali del rapporto con la realtĂ . La perdita del cosmo ci porta infatti direttamente dentro la miriade di giochi di piccolo cabotaggio, che giĂ  conosciamo bene e che certo non rendono ragione della infinita complessitĂ  che noi stessi siamo.
La strofa finale mi appare come un lanciarsi oltre l’ostacolo, come un arrivare alle stelle per ritornare a terra con una domanda potentissima, che alberga comunque nella nostra mente di donne e uomini del XXI secolo come ha fatto per millenni. Ci sarĂ  qualcosa – si badi, non tanto oltre – ma invece della morte? Così una grande ragione è qualcosa che soddisfa appieno la nostra mente, così un perdono (non è necessario qui riferirsi immediatamente all’ambito religioso, piuttosto conviene lasciare la mente spaziare in modo ampio, stellare) evoca invece qualcosa di emozionale, in fondo, la possibilitĂ  di un ritorno in un alveo intatto e incontaminato.
La pena per le stelle – per la loro fatica inesausta di brillare da tanto tempo – si può allora leggere come l’inizio potente di una ricomprensione emotiva del cosmo, proprio quella ricomprensione che si auspicava in apertura. Non c’è un cosmo freddo ed indifferente davanti allo sguardo del poeta, c’è piuttosto un universo con il quale patire insieme, fino a nutrire un umanissimo sentimento di pena per la sorte delle stelle: tale da sperare in una fine diversa da quella apparente, una fine che sia un raccogliersi grati dentro un perdono, ovvero – potremmo forse dire in termini laici – un superare le mille incongruitĂ  dell’esistere per approdare ad un porto sicuro, tranquillo, incontaminato. L’unico luogo nell’universo, ancora e sempre abitabile.

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scritto da

Marco Castellani Marco Castellani

Ricercatore presso l'Osservatorio Astronomico di Roma. Si interessa di popolazioni stellari ed è nel team scientifico del satellite GAIA di ESA. Divulgatore e scrittore per passione, gestisce da anni il blog divulgativo Sturdust.blog (già GruppoLocale.it) e coordina il progetto Altrascienza.it.

Categorie