Video

Alla scoperta del James Webb Telescope

Prepariamoci all'arrivo della prima, storica immagine realizzata dal James Webb Space Telescope insieme con Mario Giuseppe Guarcello, astronomo INAF e Investigatore Principale di uno dei 9 progetti a guida italiana basati su osservazioni JWST

Nel corso della sua missione, l’Hubble Space Telescope è riuscito a trascendere il suo scopo scientifico, diventando uno dei simboli della ricerca e della divulgazione scientifica, e riuscendo nell’importante compito di avvicinare il grande pubblico al mondo della scienza. In 32 anni di scoperte, Hubble ha infatti rivoluzionato tutti i campi dell’astrofisica, dalla cosmologia alla ricerca sugli esopianeti, ed ha fatto innamorare il grande pubblico della ricerca astronomica. Nonostante tutto, però, Hubble ha dei limiti che devono essere superati per permettere agli scienziati di compiere nei prossimi anni significativi passi avanti nella conoscenza dell’Universo.
Ed è proprio a questo scopo che NASA, ESA e CSA hanno progettato e messo in orbita il James Webb Space Telescope, il telescopio piĂą avanzato mai realizzato dall’uomo.
Grazie al JWST speriamo di riuscire a osservare le primissime stelle e galassie formate dopo il Big Bang, il complesso processo che permette alle galassie di accrescere massa e formare stelle nelle loro primissime fasi evolutive, osservare direttamente le fasi iniziali del processo di formazione stellare e planetaria e studiare la composizione chimica delle atmosfere dei pianeti che orbitano attorno ad altre stelle, magari individuando tracce chimiche che possano suggerire la presenza di vita in quei mondi remoti.
Per riuscire in questa difficile impresa, JWST è stato equipaggiato con 4 sofisticatissimi strumenti che analizeranno la radiazione infrarossa proveniente dagli angoli piĂą remoti dell’Universo, focalizzata da un innovativo specchio pieghevole di 6.5 metri di diametro (il piĂą grande mai mandato nello spazio). JWST è frutto di uno sforzo trentennale condiviso da scienziati ed ingegneri di tutto il mondo, e certamente nei prossimi decenni rivoluzionerĂ  la nostra visione dell’Universo.

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scritto da

eduinaf_avatar_autori Mario Giuseppe Guarcello

INAF di Palermo - Investigatore Principale del progetto -Testing Protoplanetary Disk Evolution and Brown Dwarf Formation in Starburst: NIRCam and MIRI Observations of the Young Cluster Westerlund 1- basato su quasi 20 ore di osservazioni di JWST con gli strumenti MIRI e NIRCAM

Categorie