Estate Nord

Sagittario

Descrizione

Costellazione zodiacale facilmente identificabile grazie a un asterismo particolare, dalla tipica forma a Teiera, costituito dalle stelle Kaus Media, Kaus Australis, Ascella e Phi Sagittarii, che formano il corpo della teiera, Kaus Borealis che il coperchio, Alnasl il beccuccio, e Nunki e Tau Sagittarii che costituiscono il manico.
Il Sagittario contiene una parte piuttosto ricca della nostra galassia, anche perché al suo interno si trova, prospetticamente, il centro della Via Lattea: non a caso il “nostro” buco nero viene denominato Sagittarius A*.

Oggetti celesti più importanti

La speciale posizione del Sagittario la rende la costellazione più ricca di oggetti non stellari del cielo. Su tutti spicca la Nube Stellare del Sagittario, un vasto insieme di stelle facilmente visibili con un binocolo, che si trova giusto di fronte al centro galattico.

La Nube Stellare del Sagittario fotografata dal Telescopio Spaziale Hubble – via commons

Il Sagittario è anche la costellazione che contiene più oggetti di Messier in assoluto: M69, M54, M55, M70, M28, M75 sono tutti ammassi globulari che circondano il nucleo galattico. A questi si aggiunge M22 uno tra i più grandi ammassi globulari conosciuti, con più di mezzo milione di stelle. E’ anche il terzo in ordine di luminosità apparente, grazie anche alla sua relativa vicinanza, solo 9.600 anni luce dalla Terra.
Anche le nebulose abbondano: M17, detta la Nebulosa Omega per la sua somiglianza con la lettera greca omega; M8, detta la Nebulosa della Laguna; M20, detta la Nebulosa a Trifide, poiché strisce scure di polvere e gas la dividono in tre parti. Distano all’incirca 5.000 anni luce.
I rimanenti oggetti M (Messier) sono ammassi aperti che si confondono con le innumerevoli altre stelle che popolano questa regione.

M22. Foto scattata dall’astrofilo Hewholooks – via commons

Mito

Secondo la tradizione giunta fino a noi, la raffigurazione classica del Sagittario è quella di un centauro dotato di arco e frecce. Tale rappresentazione, però, non è di origine greca, ma babilonese: la costellazione, infatti, rappresenta il dio Nergal, che in alcune immagini viene dipinto come un centauro alato.
Come, però, fa notare Eratostene, i centauri non portavano l’arco, per cui il matematico e astronomo greco riteneva trattarsi di un satiro, Crotus, figlio di Eufeme. Secondo Igino, il padre di Crotus era Pan, il satiro più noto della mitologia.
Crotus, che inventò l’arte del tiro con l’arco, spesso andava a caccia a cavallo, cosa che probabilmente portò con il tempo a identificare la costellazione con un centauro. Abitava sul monte Elicone fra le Muse, che apprezzavano la sua compagnia. Le Muse, che erano figlie di Zeus, chiesero al padre di metterlo in cielo, rappresentato nell’atto di dare una dimostrazione della sua abilità di arciere. Davanti alle sue zampe anteriori c’è un cerchietto di stelle che secondo Igino era una ghirlanda gettata via da qualcuno che stava giocando. Questo cerchietto di stelle è la costellazione della Corona Australe.
L’identificazione più nota, invece, è quella con il centauro Chirone, che però è molto probabilmente rappresentato nella costellazione del Centauro.

Ascensione retta centrale: 18 hrs, 30 min

Declinazione centrale: -30°

Visibile in: emisfero

Stagione: