In occasione della mostra Marte. Incontri ravvicinati con il pianeta rosso presso il Museo della Scienza e della Tecnica “Leonardo da Vinci” a Milano, proponiamo una serie di contenuti (articoli su Edu INAF, articoli e video da Media INAF, risorse didattiche da astroEDU) per approfondire questo affascinante pianeta che ha ispirato astronomi e scrittori di fantascienza.
Marte è il quarto pianeta del sistema solare in ordine di distanza dal Sole, è visibile a occhio nudo ed è l’ultimo dei pianeti di tipo terrestre dopo Mercurio, Venere e la Terra. Chiamato il Pianeta rosso a causa del suo colore caratteristico dovuto alle grandi quantità di ossido di ferro che lo ricoprono, Marte prende il nome dall’omonima divinità della mitologia romana.

Life on Mars?


di
Life on Mars? è una canzone scritta e interprestata da David Bowie nel 1971 e contenuta nell’album Hunky Dory. BBC Radio 2 definirà la canzone come un misto tra le sonorità della musica di Broadway e un dipinto di Salvador Dalí; il capolavoro del duca bianco è sovrapposizione di immagini inquietanti e profonde che si accendono e spengono su una potentissima melodia di una grazia struggente. Neil McCormick del The Daily Telegraph mise la canzone al numero uno della classifica delle 100 ...
(continua)

La ricerca della vita nell’universo


di e
Esiste vita altrove nell’Universo? Questa domanda trascende una singola cultura o epoca e accompagna la nostra specie da millenni. Solo negli ultimi decenni è stato possibile cominciare a cercare risposte nei dati raccolti da strumenti sempre più sensibili e sofisticati. Ancora oggi, però, la conoscenza di cosa sia la vita e di come essa si sviluppi è lacunosa, al punto che non vi è una definizione universalmente accettata di quali siano le caratteristiche uniche e fondamentali di un organismo..
(continua)

L’Italia verso Marte


di
Nonostante il clima rigido e la tenue atmosfera, Marte è il pianeta più simile alla Terra nel Sistema Solare. Le tracce di un passato in cui il clima era simile a quello terrestre, con laghi e fiumi, e la scoperta nella sua atmosfera di un gas, il metano, che sul nostro pianeta è prodotto soprattutto dall’azione di organismi viventi, hanno portato a pensare che Marte possa avere conosciuto un’evoluzione biologica nel proprio passato, e che possa essere ancora abitato da forme viventi primitive.
(continua)

DA MEDIA INAF

Coltivare su Marte

Patate su Marte? Si può

Nell’altopiano andino, là dove è nata la coltivazione della patata, oggi si sperimenta fino a quali condizioni avverse questa adattabile pianta è in grado di resistere. Dai primi risultati sembra che, con qualche piccolo accorgimento, possa crescere anche su Marte

Mettete dei fiori nelle vostre astronavi

Le lunghe missioni spaziali dovrebbero prevedere la possibilità di coltivare piante: farebbe bene alla salute psicofisica degli astronauti, dice uno studio dell’università della Florida. Abbiamo chiesto un parere, sia sulla presenza di piante che di eventuali animali da compagnia, a Denise Ferravante, psicologa dell’Enea.

Acqua su Marte

I profondi ghiacciai sotterranei di Marte

Un nuovo studio pubblicato su Science ha appurato che i depositi di ghiaccio d’acqua, intravisti appena sotto la superficie marziana alle latitudini mediane del pianeta, sono compatti, stratificati ed enormi, estendendosi in verticale anche per più di 100 metri

Marte: un tuffo nell’acqua che fu

Nello spettacolare panorama marziano catturato dalla sonda Esa Mars Express si staglia il cratere meteorico localizzato nella regione Margaritifer Terra, nell’emisfero meridionale del pianeta. Segni evidenti di una passata presenza di acqua

Metano su Marte

Quando il metano scaldava Marte

Qualche miliardo di anni fa il Pianeta rosso era un pianeta diverso da come lo conosciamo oggi. Basti pensare che l’acqua correva nei canali in forma liquida per lunghi periodi, e questo grazie all’interazione fra i gas presenti nell’atmosfera

Topografia extraterrestre: Titano come Marte

Studiando la Terra, il Pianeta rosso e la luna più grande di Saturno, gli scienziati si sono accorti che i fiumi raccontano storie diverse sull’evoluzione topografica di questi tre corpi celesti. Lo studio su Science.

La gravità di Marte

Nuova mappa della gravità di Marte

Scienziati al Goddard Space Flight Center della NASA hanno utilizzato le lievi fluttuazioni orbitali di tre sonde spaziali in orbita attorno a Marte per misurarne il campo gravitazionale con un dettaglio senza precedenti. La mappa fornisce nuove indicazioni sullo spessore della crosta marziana, sulla composizione interna del pianeta e sulle variazioni stagionali di ghiaccio secco ai poli.

Marte a bassa densità

Un nuovo metodo per l’analisi dei dati ha permesso di rivedere le stime riguardo alla densità della crosta di Marte, e di creare nuove mappe che illustrano lo spessore dello strato più esterno del Pianeta rosso.

DA ASTROEDU

LA MOSTRA

Marte? Un pianeta rosa shocking

Venerdì 9 febbraio prende il via a Milano, nelle sale del Museo nazionale della scienza e della tecnologia ”Leonardo da Vinci”, la mostra ”Marte – Incontri ravvicinati con il pianeta rosso”, realizzata dall’Asi con la collaborazione dell’Inaf